fbpx
Stiamo caricando

La Repubblica da Platone

La Repubblica da Platone

Alla fine del quarto libro della Repubblica Socrate ha praticamente assolto il compito che gli era stato richiesto dai suoi interlocutori: dimostrare che la giustizia intesa come benessere dell’anima è sempre preferibile all’ingiustizia e che la giustizia è desiderabile non tanto per le sue conseguenze quanto in se stessa. Questo risultato, all’inizio del quinto libro, lo pone di fronte a un nuovo problema, al quale non può evitare di rispondere: è possibile costruire una città giusta a partire dalla trasformazione di una città esistente? 

"...Una lunga, affascinante, antichissima inchiesta intorno al buon funzionamento della polìs. E quale luogo migliore per condurla e raccontarla, se non il teatro? Il teatro, da sempre specchio dialettico-rappresentativo della città, luogo in cui la comunità rappresenta se stessa e perciò stesso si ri-conosce in un continuo e alterno processo di consolidamento e messa in discussione dei propri valori fondativi, pare ancora oggi l’arena perfetta in cui dibattere insieme la direzione da imprimere al nostro futuro di cittadini – in un serrato confronto tra il pessimismo della ragione e l’ottimismo della volontà, tra le responsabilità comuni e i doveri del singolo..."  (Claudio Longhi)

a cura di Claudio Longhi
con Nicola Bortolotti, Michele dell’Utri, Simone Francia, Lino Guanciale, Eugenio Papalia
alla fisarmonica Olimpia Greco