Stiamo caricando

Assassina

Debutto: Teatro della Passioni, Modena, 10/01/2017

A proposito di questo spettacolo

Al centro del teatro di Enzo Vetrano e Stefano Randisi c’è l’attore, la sua materia poetica fatta di carne, di voce, di aura. La parola che questi due fini artistiartigiani della scena contemporanea porgono al pubblico, forte anche di una pratica condivisa e dialettica tra recitazione e regia, sgorga da tale matrice e diventa consistenza scenica avvolgendo lo spettatore. Siciliani, da tempo radicati in Emilia – dove hanno lavorato, a cavallo tra gli anni Ottanta e Novanta, con Leo de Berardinis prima di fondare la propria compagnia Diablogues – non hanno mai perso il legame con la terra d’origine, cui attingono calda visionarietà e lingua magmatica.
La loro conoscenza con Franco Scaldati – autore, attore e regista palermitano – risale a molto tempo fa, quando i due artisti appartenevano alla fertile scena teatrale di Palermo, operando nello storico gruppo Daggide, cui si deve un indimenticato Ubu re (1974). Ma l’ingresso nell’universo drammaturgico di Scaldati è invece per loro un passo recente, mosso nel 2012 quando, dopo un lungo percorso pirandelliano, hanno sentito addosso un’assonanza potente con quel mondo popolato di dualità, con quell’immaginario lunare travasato dai sogni di cui Scaldati è artefice massimo, e vi sono entrati con grazia riscontrando la soddisfazione dell’autore. Con Totò e Vicè – ritratto fiabesco e buffo di due angeli-barboni dal sapore beckettiano – fu subito evidente al pubblico e alla critica l’affinità elettiva che rende possibile alle drammaturgie di Scaldati di prendere una forma esatta, quanto senza rigidi contorni, nel linguaggio di questi raffinati ‘attori in cerca d’autore’.
I testi di Franco Scaldati, altro dall’essere opere scritte a tavolino, sono frutto di un percorso scenico che si è nutrito, fin dall’origine, del lavoro di palcoscenico, e portano con sé la forza delle molteplici riscritture. Spesso rappresentati dallo stesso autore con la propria compagnia – Scaldati è scomparso nel 2013 – trovano oggi in Vetrano e Randisi nuove pieghe, grazie alla possibilità insita in quella parola teatrale di assorbire altre note, altre sensibilità, altre posture. Popolata di personaggi in bilico tra la vita e la morte – spesso confusi tra le due dimensioni – la scrittura di Scaldati dà voce ai margini dell’esistenza. La lingua palermitana su cui si basa il suo intero repertorio segna una forte appartenenza al proprio luogo di nascita e al contempo permette un’astrazione anche temporale, alludendo a un senso di eternità, creando un cortocircuito tra fisicità e spiritualità. Convivono nei lavori di Scaldati il reale e l’onirico, il bene e il male, il buio e la luce, le azioni quotidiane e il pensiero alto, in un intreccio indispensabile, che crea vicinanza umana e viscerale comicità.

Assassina
coglie due bizzarri personaggi – e la loro proiezione genealogica – nelle smanie di una convivenza forzata, indesiderata, irriducibile. Sono (forse) un uomo e una donna, anzi un “omino” e una “vecchietta”, cui fanno da controcanto “i genitori” che intervengono dalla loro condizione di effigi alla parete, figure arcane e spiazzanti che Vetrano e Randisi hanno affidato alla musicalità dei Fratelli Mancuso, a quel loro scavo all’origine della voce e del canto amoroso.
Così, sullo sfondo di una Palermo notturna che viene inghiottita nelle galassie, conosciamo due abitanti di questo mondo abbandonato e conteso, creature grottesche e surreali, lei di “improbabile discendenza sciamanica”, lui in veste di “enigmatico sagrestano”.
Nella scena ideata da Mela Dell’Erba, dove tutto ciò che “vecchietta” e “omino” ambiscono di possedere consiste nel rudere di uno scenario di devastazione, gli antenati-Mancuso appaiono col loro canto nei panni della “Donna barbuta” di de Ribera, puri e irsuti, come scesi da un altro pianeta. La lingua di Scaldati, resa più comprensibile a tutti dal lavoro di cesello che Vetrano e Randisi operano nell’assoluto rispetto della dimensione poetica, si offre nel pieno della sua incessante ricerca esistenziale, praticata con un divertimento dal carattere violento.
«A chi o a cosa allude il titolo Assassina in tutto questo? – si sono chiesti i registi – Qual è la minaccia fatale per questi due esseri? (Sempre che siano due, come si domandano a un certo punto loro stessi, quando sono colti dal sospetto di essere una sola persona). Scaldati ha scritto più versioni del testo: nella prima sembra essere il topo a dar loro il veleno, nella seconda tutti i soggetti del bestiario della pièce si mangiano a vicenda, lasciando pensare che l’assassina sia la bestialità che li circonda. Quello che a un certo punto ci è piaciuto immaginare è che assassina sia l’ombra, elemento sempre presente, incancellabile, l’ombra tornata da sottoterra a tormentare i vivi. In fondo, i due, sono uno l’ombra dell’altro, vittime di un’esistenza che non sa tenere unite le cose».

 

Cristina Ventrucci

Dati artistici

di Franco Scaldati
interpretazione e regia Enzo Vetrano e Stefano Randisi
scene e costumi Mela Dell’Erba
musiche e canti originali Fratelli Mancuso
con Enzo Vetrano (la vecchina), Stefano Randisi (l’omino) e i Fratelli Mancuso (i genitori)

musiche e canti originali composti ed eseguiti in scena dai Fratelli Mancuso
luci Max Mugnai
direttore tecnico Robert John Resteghini
direttore di scena Lorenzo Martinelli
capo elettricista Antonio Rinaldi
fonico Marco Calì
amministratrice Elisa Faletti
ufficio stampa Silvia Pacciarini
scene costruite nel laboratorio di Emilia Romagna Teatro da Gioacchino Gramolini (capo costruttore), Sergio Puzzo, Marco Fieni, Riccardo Betti – decoratrici Elena Giampaoli, Lucia Bramati
realizzazione video Alessandro D’Amico, Bernardo Giannone, Giuliana Di Gregorio.
realizzazione costumi Elena Dal Pozzo 
assistente alla regia Virginia Landi
assistente alla produzione Miriam Auricchio
Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con Le Tre Corde società cooperativa
produzione EMILIA ROMAGNA TEATRO FONDAZIONE

foto di Luca Del Pia

una produzione di Assassina • Produzione Emilia Romagna Teatro

Video