fbpx
Stiamo caricando
In Chiostro e dintorni. Pensieri e immagini per scrivere Bologna
Due appuntamenti per "Questa estate scegli Cesena"
I Giardini d’Estate // a Modena fino al 30 agosto
Una volta, c'era...// Scopri la nuova Stagione 2020/21 a partire da settembre

Un Teatro senza mura

Emilia Romagna Teatro Fondazione (ERT) è il teatro stabile pubblico della regione Emilia Romagna, attivo su una rete di cinque città: Modena (sede legale), Bologna, Cesena, Vignola e Castelfranco Emilia. Dal 2015 è entrato nel novero dei Teatri Nazionali italiani.

esplora la nostra rete
Modena
Vai al sito
Vignola
Vai al sito
Castelfranco Emilia
Vai al sito
Bologna
Vai al sito
Cesena
Vai al sito

15 giugno 2020 – dopo oltre tre mesi di lockdown, in Italia riaprono i teatri. La lunga parentesi di sospensione delle scorse settimane finalmente si chiude e i palcoscenici sono restituiti all’abbraccio delle proprie comunità. Certo le difficoltà da affrontare sono ancora tante, molte le sfide che ci aspettano per costruire il futuro, ma da oggi possiamo ricominciare a progettare guardandoci negli occhi – nella pienezza di una relazione teatrale finalmente ritrovata. Forse con una consapevolezza in più della funzione e del valore del teatro e della cultura in generale; forse con un più forte senso di appartenenza e di partecipazione attiva al vivere comunitario.
Nel lasciarci alle spalle i giorni bui del contagio, crediamo sia importante fare tesoro dell’esperienza maturata. Non dimenticare ciò che, restando a casa, abbiamo imparato. Trascegliere da quanto è stato felicemente superato, ciò che anche in questa nuova fase che ci accingiamo a vivere permarrà come prezioso talismano per il futuro che ci aspetta. Nei mesi scorsi, presentando l’attività di ERTonAIR, scrivevamo: «Nasce così ERTonAIR; non un palcoscenico, né un archivio di video teatrali, ma un piccolo spazio di sconfinamento virtuale, di libertà e di interazione on line, una zona di confine tra lo schermo e la scena, un modo “altro” per uscire dalle proprie case, continuando a stare insieme». Nelle settimane in cui il teatro non si poteva dare e si poteva solo pensare, l’arena virtuale di ERTonAIR ci ha permesso di non perdere completamente il rapporto con voi, così come ci ha fatto incontrare nuovi amici e sperimentare nuove modalità di relazione. Oggi, mentre le sale riprendono l’attività, in omaggio al senso di apertura che da sempre contraddistingue la nostra Fondazione, non vogliamo chiudere ERTonAIR. Quello strano interstizio di spazio tempo, in bilico tra assenza e presenza, tra vita e tecnologia, che ci siamo inventati per rispondere alla malattia, quella strana “soglia” che non è teatro, ma che sul teatro si fonda e che il teatro ripensa, continuerà ora, nel nostro nuovo presente, ad accompagnarci, per essere sempre più «senza mura», per non perdere la connessione, per cercare in ogni modo e a qualsiasi costo di dialogare con tutto e con tutti, per dare sempre più respiro alla convinzione che il teatro può concretamente servire per cambiare il mondo.

I Giardini d'Estate a Modena

La rassegna I Giardini d’Estate 2020 – di sera con Heranell’ambito dell’Estate modenese 2020 del Comune di Modena con il sostegno di Fondazione di Modena e Gruppo Hera, è affidata quest’anno a ERT. Dal 10 luglio al 30 agosto ai Giardini Ducali 33 appuntamenti tra teatro, musica, burattini e incontri tutti in sicurezza e applicando le disposizioni dei decreti. 

News

❝ La comicità è un un antidoto al malessere delle società. La comicità è quella che ti accompagna con lo sguardo in avanti. Perché rido? Perché...
La comunità di aziende, imprenditori e professionisti che sostengono Emilia Romagna Teatro Partendo dall’idea di “teatro aperto” e dalla volontà...
Emilia Romagna Teatro Fondazione, d’intesa con la Regione Emilia-Romagna, interviene a sostegno delle compagnie di teatro e dei singoli artisti del territorio...

In Chiostro e dintorni

Nell’ambito di Bologna Estate 2020, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna – Destinazione Turistica, la rassegna In Chiostro e dintorni. Pensieri e immagini per scrivere Bologna si snoda nei mesi di luglio, agosto e settembre nel Chiostro dell’Arena del Sole e in diversi altri spazi della città. Spettacoli, mise en espace, reading, laboratori, teatro partecipato, incontri con artisti e conversazioni con figure del panorama culturale nazionale animano l’estate bolognese con un programma composito e cangiante che è un atto di ragionamento e di incontro con il pubblico.

Fino all’estate del 2020, il progetto europeo Atlas of Transitions promuoverà incontri, produzioni e laboratori creativi in sette paesi – Italia, Svezia, Albania, Grecia, Belgio, Francia, Polonia. Migranti, richiedenti asilo e cittadini realizzeranno performance collettive in diversi spazi delle città – teatri, biblioteche, piazze, abitazioni private – per creare contesti di partecipazione in cui condividere esperienze artistiche e di vita.

Così sarà! La città che vogliamo

Un progetto di teatro partecipato, audience development, di pedagogia civica e di promozione territoriale, rivolto a un pubblico di giovani cittadini, tra gli 11 e 25 anni, coinvolti in processi performativi e creativi, con l’obiettivo di fondare una nuova “città ideale”. Le attività prenderanno vita sul territorio comunale di Bologna a partire da novembre 2019 fino al maggio 2021, attraverso una rete di realtà culturali e teatrali.

Così sarà! La città che vogliamo è realizzato da ERT – Emilia Romagna Teatro Fondazione nell’ambito del progetto BO3.3.1i del PON Metro 14-20, Asse 3 – Servizi per l’inclusione sociale, insieme ad altri operatori teatrali del territorio bolognese: Altre Velocità, Cassero LGBTI center, Kepler-452, Teatro Testoni Ragazzi – La Baracca, Compagnia Teatro dell’Argine.

 

La formazione con ERT

Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro

Cruciale per ERT è l’attività di formazione teatrale professionale che l’ente sviluppa precipuamente attraverso la Scuola di Teatro Iolanda Gazzerro – laboratorio permanente per l’attore. Questo vivaio di giovani artisti – nato nel 2015 sulla scorta delle precedenti esperienze di pedagogia dell’attore di ERT per formare interpreti internazionali che, forti di una tradizione scenica nazionale, possano affrontare anche mondi teatrali diversi dal proprio senza per altro rinunciare alla loro identità –, affianca corsi professionalizzanti a corsi di specializzazione attoriale affidati a Maestri stranieri, incaricati di aiutare i giovani attori ad affinare il loro bagaglio tecnico-artistico e a metterlo in discussione.

La produzione teatrale di ERT

Emilia Romagna Teatro Fondazione è prima di tutto un centro di produzione teatrale. Con all’attivo la creazione di oltre 200 spettacoli, sviluppa le proprie politiche teatrali in due direzioni fondamentali: la collaborazione con gli artisti da un lato e, dall’altro, la ricerca di tipologie spettacolari e spaziali alternative alla grande sala, all’insegna di un incontro con il pubblico diversificato e complesso.