fbpx
Stiamo caricando

Kassandra

A proposito di questo spettacolo

E’ una Kassandra iper-contemporanea, quella di Sergio Blanco, drammaturgo franco-uruguayano tra i più interessanti del panorama internazionale, autore dalla potenza interrogante unica.

L’autore ambienta la vicenda in un sordido bar ai confini della periferia di una città. Kassandra vende sigarette e il suo corpo e si perde nelle parole di una lingua non sua che parla con difficoltà.

Blanco con Kassandra decide di esplorare una donna “in transito”, senza una identità fissa, né indirizzo, né paese.
Una clandestina

Kassandra è fluida.
Kassandra è immigrata.
Kassandra è puttana.
Kassandra è divertente.
Kassandra è spudorata.

Con la strafottenza dei visionari, Kassandra la straniera accoglie il pubblico, lo tenta, lo seduce e a lui dona tutta l’anima raccontandosi senza filtri.

Un monologo ironico, intriso di suono e musica, divertente ma profondamente toccante, che parla dell’oggi attraverso il mito.

Un mito che non può non essere riletto con gli occhi del presente, che non può non parlare di “polis” senza parlare di cultura del diverso, di lotta di classe, di identità di genere, di orientamento sessuale, di linguaggio inclusivo, senza coniare una nuova grammatica del presente, senza conferire dignità e valore alle storie di migrazioni sia fisiche sia identitarie.


Note

Viviamo il tempo di una pandemia che sta esasperando l’enorme divario sociale ed economico tra gli uomini. Se da un lato il virus ci ha messo di fronte alla comune fragilità, al contrario la macchina della disuguaglianza radicale si è manifestata nella gestione dell’emergenza. Al di là della nostra personale posizione più o meno fortunata, è impossibile non notare quanto le minoranze in questo momento storico non accettino più di essere considerate tali. Tutto è fluido e cangiante o almeno così ci appare.

All’interno di questo scenario epocale si è aperto uno squarcio politico-sociale che si chiama “Femminismo intersezionale”: questa nouvelle vague di femminismo non separatista -conscia che nessuna donna rinuncerebbe a nessuno dei privilegi conquistati, grata alle lotte femministe- cerca un’evoluzione e la trova in una parola chiave: Contaminazione. Non si può parlare oggi di POLIS senza parlare di cultura del diverso, di lotta di classe, di identità di genere, di orientamento sessuale, di linguaggio inclusivo; senza coniare una nuova grammatica del presente, senza conferire dignità e valore alle storie di migrazioni sia fisiche che identitarie. Per questo è più che mai necessario aggrapparsi ai Miti e alla loro sacralità. Per ritrovare nel caos, un “Umanesimo 2.0”.

Il momento storico è delicatissimo, assistiamo a scontri fisici e virtuali tra viventi, a tentativi di inversione di potere. Quando si potrà parlare di uguaglianza senza sentirsi stridere in quanto privilegiate/i bianche/i normodotate/i , cisgender o al contrario nere/i, colonizzate/ i, portatori/ici di handicap…?
E ancora: quanto siamo coscienti del fatto che parlando di identità, non intendiamo più il soggetto all’interno di una collettività, ma piuttosto il potere sociale del proprio “contesto-corpo”, di cui il soggetto si fa portavoce?

Dati artistici

di Sergio Blanco
con Roberta Lidia De Stefano
regia Maria Vittoria Bellingeri
produzione ERT / Teatro Nazionale

foto Serena Serrani

una produzione di Kassandra • Produzione Emilia Romagna Teatro